Globe Today’s

Notizie quotidiane internazionali

SPORT CRIME a Venezia: «Where can I see it?!!»

Venezia: Sport Crime Parade
Sport Crime Parade Venezia 2023

Sport Crime a Venezia

Alla Mostra Del Cinema di Venezia, enorme risposta di pubblico e «buyers» per Sport Crime, la serie Italo-Svizzera visibile (gratis) sulla piattaforma Chili.

«Sapevano intere parti a memoria, come noi da piccoli con Happy Days» Daniela Scalia.

«Sono a Hollywood, per Sport Senza Crime… ormai la nostra serie è esplosa» Daniel McVicar.

«Ma dai, calmatevi, è solo una serie con indagini, piste false e colpevoli. Ah no, dimenticavo, abbiamo anche dei finali inattesi, reali e spiazzanti e il cast più stellare della storia» Luca Tramontin.

Sofia Coppola, Woody Allen, la solita folla di inseguiti e conseguenti alla Mostra del Cinema di Venezia, ma, sarà che anche i grandi si ripetono parecchio, sarà che davvero il mercato ha bisogno di novità, ancora tra i più applauditi, cercati, fotografati e interrogati della sesta giornata sono stati i protagonisti di Sport Crime.

Incredibilmente o tatticamente «trascurato» dai grandi quotidiani e dalle TV maggiori della nostra penisola, il clan delle storie di sport e territorio ha magnetizzato i cacciatori di novità e di acquisti provenienti dall’estero presentandosi con una “Sport Crime Parade” che ha coinvolto non solo gli attori del cast, ma anche gli atleti le cui gesta caratterizzano la prima serie TV internazionale di investigazione sportiva.

Gli angoli di Europa, gli sport «remoti» come la lotta svizzera e il pallapugno, ma anche temi quotidiani come la compravendita dei giocatori, l’asse sottile tra alimentazione atletica e divieti religiosi, il pericolo di molte sostanze «da negozio» usabili in troppi modi sono stati le calamite principali.

Sempre da Venezia

Ma a fianco della ossessiva domanda «Dove posso vedere questa serie» il lato maniacale è stato per i personaggi: “muscolacci” da rockstar e solite sete indiane multicolore per un sempre più offensivo e spericolato Luca Tramontin, tenuta più “sport detective” glam per Daniela Scalia, mentre Toussaint Mavakala (Jaden Botende nella serie) in uno stilosissimo smoking continuava a scambiare abrasive battute “illegali” con Tramontin, sulla sua «blackitude» e sulla mano destra dell’ex rugbista di Casale e Viadana, ben scortato e accudito dai suoi compagni di squadra (su tutti il “gemello” Giorgio Bottazzo).

Leggi anche:  Premio Felix il Festival del Cinema alla VI edizione

Ospiti “ufficialmente VIP”? Esclusi. Allo spazio ridotto della Regione Veneto una parata di attori, atleti celebri, certo, ma anche compagni di scuola, pescivendoli che hanno avuto riguardi particolari prima del successo, protagonisti delle singole puntate.

Nella seconda stagione (coprodotta da Keymotions e Blullow e in uscita il 9 novembre) oltre alle perle venete ci saranno sorprese hollywoodiane, misteri remoti del Perù, e un estremo oriente “stilizzato” che emerge tramite il nuovo celebre attore indo-britannico Taz Singh con una variante inaspettata di indagine che arriva a Tokyo e in Corea.

«Ciao, come farai a evitarci quando saremo distribuiti nel mondo? Dirai di aver perso il telefono?». Con questa frase abrasiva che sembra presa dal suo personaggio Tramontin ha «salutato» un giornalista che da giorni inseguiva VIP con il suo numeroso staff ai bordi di un sempre bellissimo Hotel Excelsior.

Luca Tramontin e Daniela Scalia, sbarco Excelsior 2023

Nota Fashion (green)

Allo sbarco sulla pensilina dell’iconico Hotel Excelsior del Lido Luca Tramontin si è presentato ancora una volta con una Venexia Shirt, capo unico upcycled del brand RIT70s, basato sui costumi di scena del suo personaggio Dabs e con una cintura Cycled, ricavata dal riciclo dei pneumatici delle biciclette

Daniela Scalia invece, sempre in linea con la green carpet challenge, dopo il completo etno-vintage della passata edizione, quest’anno ha sfoggiato una giacca gilet vintage color ciliegia con frange (proveniente da un mercatino della Costa Azzurra) che caratterizza il suo personaggio anche nella locandina di Stagione 2, abbinata a un paio di jeans vintage Roberto Cavalli. Il collier con richiamo ecologico alla tartaruga marina è un pezzo unico firmato Alessandra Bottazzo.

Verified by MonsterInsights