Globe Today's

Notizie quotidiane internazionali

Bologna, oltre il risultato. tifiamo tutti per Sinisa!

Quando lo sport rappresenta i veri valori.

La bandiera del Bologna FC – Foto di Ronny K

Oltre al risultato del Bologna sul campo, tifiamo tutti per Sinisa.

Senza retorica

Il risultato della partita Bologna vs Spal, cui ho assistito alla seconda giornata di campionato, allo stadio Dall’ara della città Felsinea, passa in secondo piano rispetto agli insegnamenti e ai valori dello sport.

Lo avrete capito, fin dal mio precedente articolo, in cui ho parlato dell’Inter, che più della cronaca degli incontri a cui presenzio, guardo e analizzo, soprattutto la squadra, all’interno dei suoi valori più intimi o dei fatti in tempo reale.

Capita così

Capita cosi, che In quest’ultimo weekend caratterizzato dall’assenza di campionato, il protagonista indiscusso del fine settimana è stato  sicuramente Charles Leclerc, il pilota monegasco capace di riportare la vittoria del Gp di Monza in casa Ferrari, che mancava al cavallino rampante da ben 9 anni. 

Accanto a lui, la nostra Nazionale, che ha battuto sia l’Armenia sia la Finlandia, arrivando a mettere in cascina ben sei vittorie consecutive, portandosi così ad un passo dalla concreta qualificazione agli europei del 2020. Onore dunque ai ragazzi e al CT Mancini: un risultato che mancava dal 2003.

Torniamo al derby

Lo stadio dall’ara nel pre partita di Bologna vs Spal

Nonostante lo stop, il mio viaggio tra i meandri delle squadre di serie A continua.

La seconda giornata di campionato, l’ho passata a Bologna come ho scritto sopra, nel derby, tutto romagnolo che ha visto i felsinei, battere in casa, meritatamente aggiungerei, la Spal, con un goal di Soriano arrivato soltanto al 92esimo minuto, ma che per tutte le occasioni create sarebbe potuto arrivare molto prima.

Ma, il Bologna in queste settimane, non è solo calcio, non può di certo  prescindere dalla situazione che riguarda il suo allenatore, Sinisa Mihajlovic, un uomo, un grande combattente, che nonostante la malattia, non ha mai abbandonato i suoi ragazzi.

Era luglio, quando in una sofferta conferenza stampa il tecnico rosso-blu, annunciava a tutti la sua malattia, una terribile leucemia.  

Immediata la reazione di tutto il mondo del calcio e non, che si è stretto accanto a lui, facendo sentire sin da subito il proprio calore e supporto.

 Sinisa che personalità!

Ma Sinisa lo sappiamo, è uno a cui la personalità non è mai mancata, né sul campo, né fuori e neppure nella vita. 

Ed eccolo così, dopo solo 44 giorni, presentarsi in panchina per la prima partita di campionato, visibilmente provato, ma non nello spirito.

Pronto a non lasciare i suoi ragazzi e a fargli sentire più di ogni altra volta, che lui c’è, è presente, nonostante tutto e, a loro spetta reagire, così come lui stesso sta facendo nella partita più grande della sua vita.

E il Bologna lo fa! Reagisce, e regala 4 punti in due partite, si stringe accanto al suo leader e non molla.

Le ultime

Di qualche ora fa il comunicato ufficiale in cui si dice che l’allenatore serbo sarà costretto a saltare la prossima giornata contro il Brescia, ma che sarà vicino ai suoi dalle corsie del sant’Orsola, ospedale in cui sta ricevendo le cure.

Una storia questa, che fa emergere quanto di là dai lustrini, e degli interessi economici il calcio sia soprattutto, passione, vita e coraggio, una storia che deve essere d’esempio sempre.

 Un invito a non mollare. Mai !

Anche in quelle dannate sfide che la vita ti riserva senza di certo soffermarsi a guardare chi sei.

FORZA SINISA!