Globe Today’s

Notizie quotidiane internazionali

“Paraxiu”arriva la fiction TV. SPORT CRIME sbarca a Imperia

Deciso ufficialmente il nome dell’episodio ligure della serie Internazionale SPORT CRIME. Sarà “Paraxiu”

Paraxiu

La prima serie TV interamente dedicata all’investigazione sportiva (la cui prima stagione è in distribuzione internazionale con il colosso statunitense New Films International) avrà un episodio interamente filmato intorno a Imperia. Tra Porto Maurizio e Oneglia, con qualche possibile sconfinata nei dintorni. Sarà l’episodio 2 della seconda stagione e si intitolerà “Paraxiu”.

Paraxiu: Francesca Saccu
Francesca Saccu in azione (foto UMDC unmondodicolori)

Una serie ricca di star dello sport ma anche del rock e della recitazione internazionale. Racconta le vicende di un’agenzia sportivo/investigativa con sede a Lugano. Nell’episodio ligure mescolerà sportivi locali, dagli atleti della Pallapugno San Leonardo (con Claudio Motosso e Claudio Carli) all’azzurra di Mountain bike Francesca Saccu (del team Ucla1991).

Perché “Paraxiu”?

«Il nome – ci spiega Daniela Scalia, ex anchor di Sportitalia diventata produttrice e protagonista – è molto importante nelle fiction che vanno in centinaia di nazioni di diverse lingue. “Paraxiu” ha un suono mediterraneo, ma sufficientemente misterioso. Esattamente come l’episodio, che approfitterà della bellezza conosciuta ma non troppo (e sicuramente non come meriterebbe) di Porto Maurizio e del suo sport più storico e spettacolare, la Pallapugno».

«Stiamo lavorando da mesi, rallentati dal Covid, con Roberto Ardizzone, il classico “personaggio chiave” per una produzione seriale – aggiunge Scalia – Dai sopralluoghi, ai contatti, alla conoscenza del territorio, il fondatore di Globe Today’s si è messo a disposizione con un coinvolgimento che ci ha portati a proporgli una parte attoriale della quale siamo molto convinti».

La trama è top secret

Ovviamente la trama resta gelosamente custodita. Anche se si può anticipare che il tema sarà molto legato sia ai pregi che ai difetti (geologici in questo caso) del territorio.

Leggi anche:  Il pieno di benzina? Facciamolo con le foglie

La scelta del luogo segue una logica che sta affascinando i distributori e che ha portato al successo (fino alla messa in onda solo teorico) della serie italo-svizzera.

«Quello che ci serve sono luoghi magnifici ma non estremamente battuti, visti, rivisti o nominati dalle altre serie, dalla cronaca e dal cinema. Lo spettatore globale ormai chiede alle serie di conoscere posti nuovi da vedere prima su schermo e poi anche dal vivo. Il “fiction tourism” è il futuro del turismo. Si va a Milwaukee per visitare il fast food di Happy Days. In Sicilia non più solo per vedere Taormina ma anche la fittizia e pur vera Vigata di Montalbano. Moltiplicate questa tendenza per mille e si avrà una lettura del turismo di massa dei prossimi decenni e anche una spiegazione di perché tutto questo entusiasmo per “Paraxiu”».

Paraxiu: Claudio Motosso
Claudio Motosso allo Sferisterio comunale di Imperia