Globe Today’s

Notizie quotidiane internazionali

Il DNA: Il filo rosso che svela i misteri dei casi freddi

C’è CSI, ma c’è anche Cold Case su Prime Video. Sono serie televisive appassionanti e seguitissime anche in Italia. Grazie alla nostra redazione di Miami, Filippo Ferretti ci ha inviato questo straordinario servizio live. Il DNA, il filo rosso per risolvere i casi freddi attraverso la testimonianza degli investigatori e le parole dei protagonisti. Queste non sono fiction, sono storie vere.

Dna: Simmons
L’Ispettrice Debra Simmons

I Kit dei DNA

In più di una occasione, da quando vivo negli Stati Uniti, mi è capitato di sentirmi come in uno dei tanti film che hanno contribuito a creare un po’ in tutti noi un immaginario collettivo della società
americana. Senza dubbio una di queste volte e stato quando ho avuto l’opportunità, come in un episodio di CSI di entrare nel quartiere generale dei medici forensi della contea di Hillsborough, una delle più grandi degli Stati Uniti, dove ogni anno esaminano e investigano oltre 2000 casi tra omicidi, morti sospette e casi criminali di ogni tipo. Dove l’ispettrice capo Debra Simmons mi ha illustrato l’ultima tendenza che sta facendo passo da giganti nel risolvere casi criminali:
i kit dei DNA.
Con un semplice prelievo dalla guancia e un kit per l’analisi del DNA a casa, chiunque può iniziare a tracciare il proprio albero genealogico. Tuttavia, questo stesso metodo può anche portare alla luce segreti nascosti da decenni, risolvendo casi freddi, identificando vittime e persino catturando criminali.

DNA: Il quartiere generale dei medici forensi
Il quartiere generale dei medici forensi

I casi freddi

Negli ultimi anni, la genealogia genetica è stata sempre più utilizzata per rivisitare casi freddi, ma sono emerse nuove domande riguardo a come la tecnologia potrebbe essere applicata a casi ancora aperti. In questo laboratorio in Florida la genealogia genetica è stata sperimentata in almeno 23 casi. Fino a oggi, questo metodo ha contribuito a risolvere almeno dieci casi di persone non identificate e almeno quattro casi di omicidio.
Nel 1976, una donna conosciuta solo come “Lilydale Jane Doe” fu trovata nel fiume Mississippi vicino a St. Paul. Probabilmente era morta da settimane. Il caso è rimasto irrisolto per 45 anni senza risposte, senza sapere chi fosse o da dove venisse. La sua identità è rimasta un mistero
fino a quando la genealogista genetica Tracie Boyle, residente in New Jersey, si è interessata al caso. “Abbiamo saputo che il suo corpo è stato trovato a galla nel fiume Mississippi quando era molto giovane, credo avesse circa 22 anni al momento della morte, quindi è stato tragico che fosse così giovane“, dice l’ispettrice Simmons. “Non è molto diverso da chiunque faccia le
proprie ricerche genealogiche, è una retro ingegneria di un albero genealogico
.”
Attraverso questo metodo, Simmons ha aiutato a identificare “Lilydale Jane Doe” come Roberta Seyfert, nata nel 1954 a Tucson, Arizona. Tuttavia, restano ancora molte domande, poiché il modo in cui è morta rimane un mistero secondo i rapporti dell’esaminatore medico.

La genealogia genetica

La genealogia genetica può sembrare complicata, ma l’idea di base è semplice. Se vuoi identificare una vittima o forse anche un sospettato e tutto ciò che hai è il DNA, puoi caricare queste informazioni genetiche in banche dati pubbliche come GED Match. Da lì, puoi cercare corrispondenze familiari, lavorando partendo dai parenti più lontani fino a quelli più stretti come i genitori, nella speranza di identificare il tuo obiettivo.
E come conseguenza, qui negli Stati Uniti, le forze dell’ordine in tutto il paese si stanno rivolto alla genealogia genetica per riaprire casi irrisolti. “Finora è stata utilizzata solo in casi che considereremmo ‘casi freddi’ – casi in cui abbiamo un profilo completo di DNA,” ha spiegato l’ispettrice Simmons. “È uno strumento di generazione di piste. Viene utilizzato principalmente in quei casi in cui stiamo cercando di risolvere l’insoluto, i casi in cui abbiamo esaurito altre metodologie e tecniche, e ci fornisce una pista per determinare se possiamo identificare il colpevole tramite questa tecnologia,” ha detto Simmons.

In un mondo dove il passato sembra talvolta scolpito nella pietra, il progresso scientifico e tecnologico ha iniziato a svelare i segreti sepolti dei chiamati “cold cases, i casi irrisolti”. La rivoluzione del DNA ha inaugurato una nuova era di speranza e giustizia, consentendo di decifrare enigmi che, per decenni, sono rimasti avvolti nell’oscurità.
Il DNA è la trama intricata che definisce l’essenza di ogni essere umano, un libro segreto custodito in ogni cellula del corpo. Questo codice genetico, inalterato nel tempo, offre un’impronta unica che può essere usata per svelare verità nascoste e collegare persone a scene del crimine rimaste irrisolte per anni. Il DNA è un viaggiatore nel tempo, un ponte che collega il passato con il presente, riportando alla luce fatti e persone dimenticate.

Leggi anche:  Festival di Viña del Mar e Festival di Sanremo. Gemellaggio sì o no?

Cold Cases irrisolti

DNA: cold case
Cold Case?

I cold cases, i casi irrisolti avvolti nel silenzio e nella complessità, sono stati a lungo una sfida ardua per le forze dell’ordine. I ricordi dei testimoni svaniscono come nebbia al sole, le prove si deteriorano e le piste si inaridiscono col passare degli anni. Tuttavia, l’avvento del DNA come strumento investigativo ha cambiato il corso di molti casi che sembravano ormai irrisolvibili. Attraverso il potere delle prove genetiche, è possibile colmare il divario temporale tra il passato e il presente, svelando la verità e offrendo giustizia a vittime e famiglie.

Al momento, non ci sono leggi che regolino l’uso della genealogia genetica nei casi criminali, e non è chiaro come la tecnologia potrebbe essere utilizzata in casi attivi negli Stati Uniti nel prossimo futuro. Jamie Spaulding di Hamline University ha sollevato alcune domande etiche
da considerare riguardo all’uso della genealogia genetica. “Stai indagando attivamente persone che sai che non potrebbero aver commesso un crimine. Penso che sia una preoccupazione etica e un dibattito che stiamo avendo nella comunità,” ha detto Spaulding. “Un’altra questione che molti media discutono è il diritto alla privacy.” Alcune società di test del DNA come Ancestry e 23andMe stanno includendo la privacy nelle loro politiche. Non rendono prontamente disponibili le tue informazioni genetiche alle forze dell’ordine, secondo i loro siti web. Alcune banche dati pubbliche come GED Match, che collaborano con le indagini delle forze dell’ordine, richiedono agli utenti di caricare autonomamente i propri dati genetici nel database e di “optare” prima di consentire alle
forze dell’ordine l’accesso alle proprie informazioni genetiche. Ma in questo laboratorio, che sembra uscito da un vero film poliziesco, dicono che “Ora è il momento di iniziare a pensare a come possiamo sfruttare al meglio questa tecnologia,” ha concluso Evans.



Verified by MonsterInsights