Globe Today’s

Notizie quotidiane internazionali

Il “desiderio” nella coppia. Se manca ci sono dei motivi

Desiderio - coppia
Coppia innamorata

La mancanza di desiderio sessuale è in assoluto l’argomento più discusso in ambito di coppie.
Spesso si sentono frasi come “il matrimonio è la tomba del sesso”vedrete quando arriverà un bebè” ecc.… Scopriamo insieme cos’è innanzi tutto il desiderio sessuale e cosa succede quando si percepisce come “non abbastanza”.

Cos’è il desiderio sessuale

Il desiderio sessuale è una pulsione proprio come la fame o la sete, la cui funzione principale è spingere l’uomo a riprodursi per far sopravvivere la specie. Quando questi impulsi nervosi si attivano, infatti, ci spingono a cercare un compagno, a corteggiarlo e a sedurlo. Quando invece si spengono, viene a mancare anche la libido.

I centri nervosi che controllano a voglia sessuale sono collegati a diverse parti del cervello. Grazie a queste connessioni, il desiderio può essere attivato – o spento – sia da forze interne sia da forze esterne all’individuo. Fantasie e atteggiamenti seduttivi possono accenderlo. Pensieri negativi e stress possono invece spegnerlo. Ai fattori psicologici si aggiungono quelli ormonali, come i livelli di testosterone e di estrogeni.

Tutti questi fattori contribuiscono a provocare due tipi di desiderio sessuale.

  • Desiderio pulsionale. L’individuo ha voglia di fare sesso indipendentemente dalla stimolazione ricevuta.
  • Desiderio responsivo. L’individuo dev’essere sottoposto a una stimolazione per avere voglia di fare sesso.

In alcuni casi, non si può parlare di una vera e propria mancanza di libido. Piuttosto, la persona è più prona al desiderio responsivo, quindi sarà meno propensa a prendere l’iniziativa e avrà bisogno di un’adeguata stimolazione per provare voglia. Capita però che ci sia davvero un calo di questo bisogno all’interno della coppia, tanto da ridurre o annullare la frequenza dei rapporti sessuali.

Le cause della mancanza di desiderio sessuale

La tentazione – By koolshooters

Aspetti psicologici e ormonali possono inibire questa necessità sessuale. Esperienze negative contribuiscono a ridurre la libido, anche quando sconnesse dal sesso o dal rapporto con il partner; un lavoro stressante, preoccupazioni economiche, lutti in famiglia sono tutti possibili inibitori della libido. Anche depressione e stress riducono la libido sessuale.

Leggi anche:  Martedì 25 terza pillola del libro Come se fossi sano

Non sempre questi stati sono permanenti. Capita infatti che il calo del desiderio sia provocato solo da determinate situazioni e pensieri, che innescano uno stato di stress e spengono la libido. Si tratta di una inibizione del desiderio solo situazionale, che agisce secondo meccanismi automatici e inconsci.

Inoltre, vanno considerati eventuali fattori ormonali in gioco: durante l’allattamento, la prolattina riduce la libido della donna. Allo stesso modo, l’invecchiamento provoca cambiamenti ormonali che potrebbero ridurre il desiderio sessuale, senza per questo sfociare nel patologico.

Piuttosto, va considerato l’impatto che ciò ha sulla coppia.

La frequenza dei rapporti sessuali nella coppia

Nel corso degli anni, alcuni cambiamenti nella frequenza dei rapporti sessuali sono fisiologici. L’entità di questi cambiamenti varia da coppia in coppia, così come variano le ragioni che possono portare a un calo del desiderio tale da interromperli del tutto.

Prima di allarmarsi, è però importante comprendere che non esiste un numero ideale di rapporti sessuali nella coppia. Piuttosto, esiste un numero di rapporti sessuali che soddisfa entrambi i membri della coppia. Questo numero cambia in base alla coppia, al substrato culturale, alla lunghezza del rapporto.

È comune che uno dei due non abbia particolare voglia di fare sesso, qualche volta, così come attraversare periodi in cui l’attività sessuale subisce un calo. L’importante è comunicare la propria mancanza di desiderio con sincerità e tatto, senza inventare scuse e senza far sentire il partner in difetto.

Tutto questo diventa un problema solo quando i partner non riescono a trovare un accordo, provocando l’insoddisfazione di uno dei due o di entrambi.

Come sempre quando si parla di sessuologia non esiste una ricetta del giusto o dello sbagliato, tutto si cuce sulla coppia e sull’individuo.