Globe Today's

Notizie quotidiane internazionali

Coppia e sesso. Come cambia quando si è adulti

Coppia - coppia
Rapporto tra adulti – By cottonbro (modif.)

La coppia adulta e il sesso

In questo articolo verrà affrontato il tema del sesso nella vita adulta. Come abbiamo affrontato all’interno degli articoli precedenti la sessualità cambia con il cambiare dell’essere umano e della società assumendo così diversi significati e diversi “scopi”.

Durante l’adolescenza, l’individuo inizia a costruire i primi rapporti di coppia. È nell’età adulta che però si passa agli aspetti più rilevanti del rapporto di coppia, che spesso vanno ben oltre la semplice funzione riproduttiva. Per l’adulto il sesso assume una connotazione sociale, ludica, perfino espressiva.

Com’è stato possibile tutto questo e a quali criticità ha portato?

Dal sesso riproduttivo all’amore e alla relazione

Nel mondo animale, il sesso ha una funzione prevalentemente riproduttiva. Molte specie lo praticano al solo fine di trasmettere il proprio patrimonio genetico o, talvolta, per consolidare la propria posizione all’interno del gruppo di appartenenza. Eppure, non sempre è così. Alcune specie praticano il sesso con altre finalità, oltre che per riprodursi e dominare eventuali avversari più deboli. Delfini, oranghi, bonobo e molti altri fanno sesso per divertirsi. Tra queste specie c’è anche l’essere umano, ovviamente.

La perdita dell’estro

Le femmine dei mammiferi sessualmente mature sperimentano il cosiddetto estro venereo, ossia una manifestazione fisica e comportamentale dell’ovulazione in corso. Subito prima e durante l’ovulazione, le femmine in questione cercano di attirare i maschi con suoni e secrezioni che segnalino loro che sono fertili. Tra gli esseri umani non succede nulla di tutto questo.

In seguito allo sviluppo del cervello e alla cerebralizzazione delle funzioni, le femmine umane hanno perso l’estro. I cambiamenti tipici dell’ovulazione non sono immediatamente riconoscibili, né dalle femmine umane né dai maschi. A causa di questo fenomeno, la sessualità umana è stata svincolata dal controllo diretto della natura. Non è più legata (esclusivamente) alla funzione riproduttiva: senza la spinta dell’estro venereo, è libera di assumere una serie di altre valenze.

Un collante per la coppia?

Secondo Desmond Morris, il sesso umano è diventato così piacevole per garantire il legame di coppia. I cuccioli d’uomo sono infatti creaturine deboli, non completamente formate e alla mercé dell’ambiente circostante. Per sopravvivere hanno bisogno dei genitori ed è per questo che l’investimento parentale è tanto importante.

Il sesso ludico sarebbe nato come un modo per rafforzare il legame di coppia. Sapendo di potersi dare piacere reciproco, i due genitori sarebbero stati più propensi a rimanere insieme per il tempo necessario a far crescere il piccolo. Nel tempo, questo aspetto della sessualità si è evoluto, prescindendo dall’effettiva presenza di un “cucciolo”. Negli esseri umani, la sfera sessuale si è quindi distaccata dalla genitalità e ha iniziato a coinvolgere anche comportamenti e relazioni.

La sessualità come esplorazione di sé e dell’altro

La sessualità umana coinvolge l’intero corpo, non solo i genitali. Ciò la rende una forma di comunicazione corporea estremamente potente, che mette a nudo i partner in un senso più profondo di quello letterale. Per gli esseri umani, il sesso ha assunto una funzione relazionale. L’attrazione verso l’altro coinvolge non solo l’area genitale, ma anche il resto del corpo, la mente e le emozioni. Diventa così un modo per scavare dentro la nostra stessa mente oltre che il corpo, mettendo appunto a nudo aspetti che altrimenti rimarrebbero nascosti.

La sessualità si trasforma così in una forma di esplorazione reciproca, nella quale i due partner mettono a nudo le proprie fragilità e si espongono l’un l’altro in modo totale. La crescente importanza dei metodi contraccettivi non ha fatto che dare ulteriore importanza a questa funzione, dato che ormai la funzione riproduttiva si è trasformata in una scelta libera. Una coppia può scegliere di continuare la propria esplorazione per tutto il tempo che desidera, anche senza avere “cuccioli”.