Globe Today’s

Notizie quotidiane internazionali

Da Bagnaia a Bastianini: chi sono gli azzurri protagonisti in MotoGP

Bagnaia: Azzurri in MotoGP
Gli Azzurri protagonisti in MotoGP. Da Bagnaia a Bastianini

Da Bagnaia a Bastianini

La classe regina del Motomondiale vanta diversi piloti italiani dalle grandi prospettive. Dopo il ritiro di Valentino Rossi nel 2021 non sembravano esserci troppe speranze di rivedere il tricolore sul podio finale, invece proprio al termine della prima stagione successiva all’addio del “Dottore” ci ha pensato Francesco Bagnaia a riportare in alto il nome dell’Italia su due ruote. Ad oggi “Pecco” è indubbiamente il motociclista più chiacchierato in circolazione. Nato a Torino nel 1997, era diventato campione del mondo in Moto2 nel 2018, diventando il primo pilota della VR46 Racing a conquistare un riconoscimento tanto importante. La sua carriera era iniziata nelle Minimoto, ma fino a un paio di anni fa non era mai riuscito a togliersi soddisfazioni degne di nota.

La svolta

La svolta è arrivata all’alba dell’inizio della passata stagione, quando d’accordo con la Ducati decise di utilizzare un vecchio motore aggiornato piuttosto che quello progettato per il 2022. Fondamentali furono i 4 primi posti ottenuti tra giugno e settembre. Pur essendo arrivato solo nono nel tradizionale Gran Premio di chiusura a Valencia, Bagnaia stravinse il mondiale con 17 punti di scarto sul campione in carica Fabio Quartararo. L’ultimo italiano in grado di trionfare in campionato era stato proprio Valentino Rossi nel 2009, mentre al 2007 risaliva l’ultimo successo da parte della Ducati. I pronostici sono stati sovvertiti e non a caso Bagnaia viene considerato il favorito assoluto anche tra le quote sul Motomondiale di oggi. La sensazione generale è che gli altri debbano solo sperare in un suo errore per riuscire a scavalcarlo.

Casa Ducati

Sempre in casa Ducati troviamo anche Marco Bezzecchi, solo di un anno più giovane di Bagnaia. Bezzecchi si era aggiudicato il campionato italiano della Moto3 8 anni fa. L’approdo in MotoGP è arrivato nel 2021. L’anno scorso il pilota ha fatto squadra con Luca Marini, senza riuscire a vincere però neanche un Gran Premio e chiudendo con 111 punti, validi per un 14° posto in classifica. In Olanda, tuttavia, era riuscito a distinguersi arrivando alle spalle del solo Bagnaia e lasciando intendere a tutti che avrebbe fatto parlare presto di sé. Nel 2023, in effetti, la musica è cambiata: per qualche settimana Bezzecchi è stato persino primo in graduatoria e ancora oggi ha tutte le carte in regola per aspirare almeno al podio finale. Bagnaia è avvertito, anche se molto probabilmente saranno Jorge Martin, Johann Zarco e Brad Binder i suoi diretti avversari. Niente male per chi corre da poco più di un anno nella classe regina.

Leggi anche:  Bondage: cinquanta sfumature di desiderio insolito

Franco Morbidelli

Meno entusiasmante, invece, è il percorso registrato fin qui dal romano Franco Morbidelli, classe 1994. L’unico titolo mondiale è stato ottenuto in Moto2 nel 2017. Figlio dell’ex pilota Livio Morbidelli, Franco ha sempre voluto omaggiare anche le origini della madre brasiliana, motivo per il quale sul suo casco sono raffigurate sia la bandiera tricolore sia quella verdeoro. Nel 2004 fu uno dei primi membri dell’academy di Valentino Rossi, che lo ha seguito soprattutto in Moto2. Morbidelli è noto anche per le sue attività nel sociale, ma nonostante possa essere considerato ormai un veterano della MotoGP non è mai riuscito a raccogliere risultati trionfanti. Nel 2020, alla terza stagione nella classe regina, riuscì a chiudere al 2° posto, ma nel 2021 e nel 2022 è arrivato rispettivamente al 17° e al 19°. Oggi l’obiettivo è quello di rientrare tra i primi 10 in classifica. Appare evidente come la Yamaha punti molto di più su Fabio Quartararo che sull’italiano.

Enea Bastianini

Un altro pilota che incarna le speranze tricolori sulle moto è Enea Bastianini, che però sta vivendo una stagione molto travagliata. Arrivato in MotoGP nel 2021, subito dopo la conquista del mondiale in Moto2, aveva sposato la causa del team Esponsorama Racing prima di firmare per la Gresini Racing. La prima annata nella classe regina si era conclusa con un 11° posto, senza alcuna vittoria. L’anno scorso, invece, Bastianini era riuscito a prendersi l’ultimo gradino del podio con 219 punti, gareggiando a lungo anche per la vetta della classifica e diventando il miglior pilota tra gli indipendenti. Nel 2023 Enea sta correndo per la Ducati Lenovo: è lui il compagno di squadra di Francesco Bagnaia. Tuttavia, a causa di un lungo infortunio la sua stagione è cominciata di fatto soltanto a giugno, in occasione del GP d’Italia. Per il momento sono dunque Bagnaia e Bezzecchi a infiammare i cuori dei tifosi nello Stivale.

Verified by MonsterInsights