Globe Today’s

Notizie quotidiane internazionali

Carlo Felice di Genova: ricche proposte inedite

Davvero interessante la prossima stagione lirico sinfonica del Teatro Carlo Felice di Genova con nove appuntamenti lirici, ventiquattro concerti, un cartellone in fieri di “Liguria musica” e in autunno una nuova stagione nel Teatro della Gioventù.

La prossima stagione al Carlo Felice

Il sovraintendente del Carlo Felice Claudio Orazi

Del resto i soldi non mancano dal momento che, come ha affermato il Sovrintendente Orazi, il contributo economico al teatro è stato di 4 milioni e mezzo di euro da parte del Comune di Genova e di 3 milioni da parte di Regione Liguria. Contributi che non sono mai abbastanza come ha lamentato Orazi per il fatto che il Carlo Felice è scivolato comunque all’ultimo posto, ma si confida, visti i buoni risultati ottenuti nell’ultimo anno artistico, che le cose cambino. Il Direttore artistico Pierangelo Conte ha parlato di un piano pluriennale che ha portato a definire già la stagione 2024/2025 e ha sottolineato la linea culturale basata su un mix di nuove proposte e repertorio.

Carlo Felice: il direttore artistico
Pierangelo Conte direttore artistico

Presente in conferenza stampa anche il direttore musicale Riccardo Minasi che ha buttato lì le difficoltà con le maestranze dell’orchestra, accennando a notevoli difficoltà nel lavoro con i complessi stabili a causa della mancanza da oltre 15 anni di concorsi di stabilizzazione ”pochi concorsi ammazzano l’orchestra “ ha detto il direttore. Un argomento che forse richiedeva altra sede che non quella della conferenza stampa della Stagione, ma che sicuramente è sintomo di questioni che non vanno tralasciate.

Si apre il 13 ottobre con un’opera di Shakespeare

La stagione lirica si aprirà il 13 ottobre con la prima di “A midsummer night’s dream” di Britten da Shakespeare con Donato Renzetti sul podio e regia di Laurence Dale, una coproduzione con Royal Opera House di Muscat. Renzetti dirigerà anche “Werther” (17 novembre, regia di Dante Ferretti) e la prima assoluta di “Edith” di Maurizio Fabrizio dedicata a Edith Piaf e realizzata in collaborazione con l’Accademia Ligustica di Belle Arti. Il 2024 sarà l’anno del centenario della morte di Puccini e al Carlo Felice si aprirà il 24 gennaio con “Madama Butterfly” affidata alla bacchetta di Fabio Luisi.

Leggi anche:  San Francesco Marathon 2023. “I bless you life”

Di Puccini dal 12 aprile torna ‘Bohème‘ diretta da Riccardo Minasi che dirigerà pure “Idomeneo” di Mozart (16 febbraio) e “Beatrice di Tenda” di Bellini (15 marzo). Completano la lirica “Il corsaro” di Verdi (17 maggio) e “Il barbiere di Siviglia” di Rossini (14 giugno) con i giovani dell’Accademia di perfezionamento lirico. Il Corsaro vedrà anche il debutto del tenore Francesco Meli in un ruolo che non ha mai affrontato nella sua brillante carriera.

Nella sinfonica spicca Francesco Filidei

Nella sinfonica spiccano due prime esecuzioni di Francesco Filidei, compositore in residence al Carlo Felice cui Scala, Opéra di Parigi e teatro genovese hanno commissionato un’opera su “Il nome della rosa“, a Genova nel 2026. Importanti e fondamentali le collaborazioni e cooperazioni integrate con Istituzioni ed Associazioni quali: Università degli Studi di Genova, Teatro Nazionale di Genova, Conservatorio Niccolò Paganini, Accademia Ligustica di Belle Arti, Ufficio Scolastico Regionale, Arcidiocesi di Genova, Giovine Orchestra Genovese, Premio Paganini, Royal Opera House di Muscat, Columbia University di New York, Italian Accademy, Comunità di Sant’Egidio, Associazione Liguri nel mondo.

Verified by MonsterInsights