Globe Today's

Notizie quotidiane internazionali

Vanno in scena i Legnanesi: non ci resta che ridere

I Legnanesi – Non Ci Resta Che Ridere

Vanno in scena “I Legnanesi”, non ci resta che ridere! È il titolo dello spettacolo, ma anche la verità. Sono ormai settanta gli anni di questa compagnia teatrale. (Foto e video Matteo Mezzalira)

I Legnanesi e le origini

È sicuramente una compagnia teatrale di grande successo, ma anche di grande longevità. Era il 1949, neppure un quinquennio dalla fine della seconda guerra mondiale, quando nacque questo gruppo di attori fondato da Felice Musazzi e Tony Barlocco. Le loro storie divertenti, si riconoscono in una forma di satira tipicamente lombarda. Raccontano della famiglia Colombo, altro nome di indubbie origini riconoscibili tra Po e Navigli. Gli attori che hanno interpretato i ruoli sono cambiati nel tempo.

I Legnanesi oggi

I ruoli dei protagonisti di oggi sono rappresentati da Enrico Dalceri nella parte de “la Mabilia”, Lorenzo Cordara (nuovo ingresso) che interpreta “il Giovanni” e “la Teresa” la protagonista, affidata alle cure di Antonio Provasio che cura regia e testi.

Non ci resta che ridere

I Legnanesi – la Compagnia

Una gita a Parigi, è il pretesto per Teresa di trovare il sistema di riportare in Italia il famoso dipinto della Monnalisa o della Gioconda se preferite, opera del nostro grande e geniale Leonardo da Vinci. Il Louvre che la ospita (ricordiamo che la Gioconda ora è visibile in “modalità virtuale”) è lo scenario da cui partono rocambolesche avventure, viaggi nel tempo e incontri “impossibili” con i personaggi dell’epoca Leonardiana. Michelangelo, Botticelli e Raffaello protagonisti assieme alla famiglia più famosa di Italia, in un immaginario collettivo di forte impatto umoristico. E la morale è proprio questa: ridere è l’ancora di salvezza per sopravvivere alle difficoltà evidenti dei tempi in cui viviamo.

Il calendario del tour dei Legnanesi

Nel ricordare il cinepanettone in onda il 26 dicembre sulle reti Mediaset con i Legnanesi sempre più protagonisti del nostro natale, il calendario della compagnia è davvero fitto di impegni. Fino all’otto marzo al prestigioso Teatro della Luna di Milano Assago, per proseguire fino a giugno, con davvero poche pause in tutto il nord Italia.

Allora, non ci resta che seguire i consigli dei Legnanesi e renderci conto, che per superare le avversità contingenti, “Non ci resta che ridere”, esattamente il contrario del capolavoro di Troisi-Benigni: “Non ci resta che piangere”. Godiamocele tutte queste opere e gustiamoci l’anteprima dell’intervista con I LEGNANESI, che potete vedere cliccando qui sotto.

I Legnanesi intervistati da Marco Ciapparelli