Globe Today's

Notizie quotidiane internazionali

Stato delle strutture e sicurezza per Autostrade Chiare

Lo stato delle strutture secondo “Autostrade Chiare” – Foto Feros

Lo stato delle strutture: in questa intervista approfondiamo alcuni punti relativi alla sicurezza dei ponti e delle gallerie, lungo tutto il percorso autostradale. Questa è la seconda parte della video intervista fatta ieri e relativa al gruppo di Facebook “Autostrade Chiare”. A parlare è sempre l’ideatore di questa iniziativa sociale, Luca Ternavasio.

Lo stato delle strutture

Abbiamo chiesto a Luca, sempre ospiti del “bar dei Glicini” di Sestri Ponente, se il grido di allarme sullo stato delle strutture della rete viaria autostradale, fosse realmente una visione oggettiva o magari anche un po’ derivata dall’enfasi del momento. La risposta è inequivocabile e riflette la situazione in termini di realtà effettiva. Si badi che Luca Ternavasio è ingegnere e quindi competente in materia.

Come si risolve questa situazione

Anche qui alla domanda di come possa essere risolta questa situazione, la risposta non lascia spazio a dubbi. Serve una verifica dell’intera rete viaria e, ove occorra, bisogna intervenire, non con azioni atte a tamponare, ma con opere radicali, quali il rifacimento delle strutture a rischio. Tutte quelle certificate inservibili e non riparabili tramite interventi di ristrutturazione.

A volte ricostruire è più efficace e competitivo rispetto alla soluzione intermedia.

La priorità e le scelte

La domanda fondamentale è: optare per la viabilità mantenendo aperti i viadotti e rinunciando alla sicurezza oppure rifare le strutture e rendere nuovamente agibile in tempi più brevi possibili il tutto?

La risposta per conto di Autostrade Chiare è piuttosto evidente, come si capirà meglio seguendo l’intervista.

I prossimi passi

Per dare voce a tutto quello che abbiamo sentito in questa due giorni, al tavolo con il fondatore di questo gruppo genovese, ma che sta raccogliendo proseliti in ogni parte di Italia, occorrono iniziative forti, civili e con molta partecipazione popolare. Questa è infatti l’idea che diventerà realtà a breve.

Gli amministratori di Autostrade Chiare, stanno infatti preparando una manifestazione nel capoluogo Ligure.

Per non dimenticare le 43 vittime del ponte Morandi e per continuare a esigere di viaggiare sereni e in sicurezza!

La stato delle strutture e la sicurezza secondo “Autostrade Chiare”