Globe Today’s

Notizie quotidiane internazionali

Si scrive runner e si pronuncia voglia di correre. E ‘uno stile di vita

Runner - runner
Runner è uno stile i vita – By Nataliya Vaitkevich (modif.)

Il runner

Il runner non può mai smettere di correre neppure in viaggio. E nella sua valigia ha sempre con sé le sue scarpe da corsa! Sia che si tratti di un viaggio di lavoro o di una vacanza, prima di partire si adopera per trovare i percorsi più adatti ai suoi allenamenti. La corsa per il runner è il cardine, il fondamento stesso del viaggio.

Ora più che mai sia avverte l ‘esigenza di muoversi e conseguentemente di scoprire nuovi e inesplorati itinerari di corsa.  Volendo rimanere nel nostro bellissimo Paese, l’Italia, le possibilità sono infinite da Nord a Sud ma lungi da me consigliarvi, forse non basta una vita per scoprirli tutti.

Se la meta è una città storica

Corsa all’alba a Roma

Qualora la vostra meta sia una delle nostre magnifiche città storiche, ora che le giornate sono più lunghe, è l’alba il momento migliore per correre, con le strade, i ponti ed i parchi non ancora popolati dai turisti.  Correndo si apprezza anche una città già visitata. Perché la corsa ci consente di riscoprirla sotto nuovi e interessanti aspetti e ci permette di comprenderne la vera essenza. Se poi non avete voglia di correre da soli oppure volete unire l’allenamento alla conoscenza storica e artistica della città, esistono dei veri e propri running tours. Guidati da personal trainers che oltre a dare il ritmo giusto alla corsa vi illustreranno la storia della città e dei suoi monumenti.

Una sorta di social running

Vi consiglio di visitare Il sito gorunningtours. E ‘possibile trovare tours di corsa organizzati non solo nelle più importanti città italiane, ma anche in Europa.  Cliccando sulla meta prescelta si possono scegliere varie opzioni   di tours di varia distanza e fascia di prezzi. C’è anche una breve descrizione corredata di foto, della persona che vi guiderà in questa esperienza. Condividerà con voi non solo la passione comune per la corsa, ma anche l’amore per la sua città. È sicuramente un’alternativa interessante in cui avrete inoltre l’opportunità di conoscere altri runners.

Un’altra meta è la straordinaria pista ciclabile del ponente ligure

Tuttavia qualora non abbiate ancora deciso una meta, andate a conoscere l’estremo ponente ligure. È qui che vivo e mi alleno. Basta un fine settimana nella provincia di Imperia, per testare la pista ciclabile. Una lingua di asfalto lunga 24km. Da San Lorenzo al mare a Sanremo, per proseguire fino al comune di Ospedaletti. È una pista dedicata a bike e runner, completamente sul mare, realizzata sulla sede della vecchia linea ferroviaria.

Runner - alba pista ciclabile
Alba nella pista sul mare del ponente ligure

Il panorama è fantastico ed è a portata di mano, in ogni tratto, la possibilità di accedere a spiagge assolate e spesso incontaminate, un tempo irraggiungibili.  Da segnalare che la pista ciclabile del Ponente Ligure fu scelta come prima tappa del Giro d’ Italia. Era il 9 maggio 2015 e si svolse la cronosquadra di 18 km da San Lorenzo al mare a Sanremo.  Attualmente è in fase di realizzazione un nuovo tratto che consentirà di raggiungere Imperia.   Presto sarà inaugurato un percorso unico, che porterà a 31 km la lunghezza totale della pista. Per maggiori informazioni potete visitare il sito pistaciclabile.com.

La scelta delle strutture ricettive

Una volta scelta la meta di viaggio sarebbe bello trovare un B&B oppure un piccolo albergo in grado di consigliare eventuali itinerari per correre. Navigando su internet ho scoperto un portale che mi ha incuriosito, BedandRunFast. Si tratta di un portale con 100 strutture ricettive che hanno aderito all’ iniziativa garantendo determinati servizi molto utili per noi runners. I punti di forza sono principalmente la presenza in ogni struttura di una persona capace di indicare percorsi con vari kilometraggi e adatti ai diversi tipi di allenamento, ma anche altri servizi personalizzati o di uso comune e molto utili. Il fondatore del sito è peraltro un podista amatoriale, pertanto sensibile e preparato a soddisfare le esigenze di noi runners.

Il viaggio spesso si unisce a un evento sportivo

Spesso la motivazione principale del viaggio è partecipare ad una gara podistica. Da tempo ormai tour operators propongono pacchetti per la partecipazione a eventi sportivi, come le mezze maratone e le maratone.  Sono anche molto diffuse le proposte di “vacanze sportive”. Veri e propri stage di allenamento alla corsa, in località molto suggestive del nostro Paese (montagna, laghi, isole), organizzate da consulenti sportivi/coach di alta professionalità. Tutto questo, stimola l’interesse a visitarne i luoghi, andare a cena nei ristoranti tipici, fare shopping. Non solo, ma suggerisce anche l’ipotesi di ritornare nuovamente, per un soggiorno più lungo o per le proprie vacanze. Il turismo così detto sportivo rappresenta senza dubbio, una importante risorsa economica, un fenomeno in netta crescita, da non sottovalutare. Anzi da incentivare.