Globe Today's

Notizie quotidiane internazionali

Prima serata del Festival di Sanremo edizione 71

prima serata - Pianoforte
Festival di Sanremo 2021 – prima Serata – By I. Plenio

Prima serata

Al via la prima serata. Si accendono i riflettori sulla 71ma edizione del Festival della Canzone italiana. È partito fra numerose polemiche e mille difficoltà dettate dal particolare periodo che stiamo vivendo. Un Sanremo senza presenza di pubblico in sala sul quale uno straordinario Fiorello in veste nuovamente di mattatore accanto ad Amadeus ironizza impietosamente citando Dante nel XXI canto dell’inferno. Ma lo show deve continuare, cosi come l’assegnazione dei nostri voti!

Sul palco con Amadeus e Fiorello

Manca il pubblico, mancano gli applausi ma non la voglia di ripartire e la professionalità di Amadeus e Fiorello con incursioni di avanspettacolo rendono comunque la serata piacevole. Momento nostalgia con foto del finale della scorsa edizione e Antonio Diodato che ricanta “Fai rumore” canzone con cui ha vinto il Festival 2020.

A proposito… ma per risparmiare è stato acquistato uno stock di giacche in saldo e sono state distribuite all’ingresso?! Comunque il look in stock funziona, e i due mattatori meritano un plauso da ogni punto di vista. Anche Diodato lo merita. Ci riporta indietro nel tempo e ci strappa un nostalgico sorriso.

VOTO un bel 9 anche a Diodato

Il primo giudizio sulla prima serata

Una nota dolente però va alla manifestazione che nella prima serata si presenta piuttosto banale e scontata con siparietti e personaggi noiosi e ripetitivi. Scarseggiano le idee?

Voto alla serata 6 e mezzo

Le pagelle di Silvia

Matilda de Angelis

Dal successo di “Undoing-Le verità non dette” alla scena dell’Ariston per affiancare Amadeus. Carina, simpatica, un po’ impacciata com’è naturale per un palco difficile come quello Sanremese che, seppur senza pubblico, mette soggezione.

La scelta del primo look non è delle più azzeccate, sembra una bomboniera per Halloween.  Peggiora decisamente col secondo che ricorda un costume da Charleston sempre per la notte di Halloween. Il terzo look è una divisa cinese anni ’70 con applicati dei decori argentati che rappresentano davvero il definitivo “colpo di grazia”. Al monologo sul bacio scattano gli sbadigli.

VOTO 5

Zlatan Ibrahimovic

Da Milanello a Sanremo senza quasi passare dagli spogliatoi. Zlatan è ingessato, intimidito in un ruolo tutto nuovo, ma ci prova e piano piano si scioglie riuscendo a ritagliarsi uno spazio comico piacevole.

Il fisico statuario gli consente di indossare qualunque cosa, anche un completo insignificante. Rimedia nella seconda parte indossando anche lui una delle giacche in stock.

VOTO 8

Arisa

La prima ad esibirsi sul palco dell’Ariston. Rosalba è cresciuta, sfodera grinta ed energia anche nel look. Il tailleur rosso ci piace e le dona.

VOTO 8

Noemi

Decisamente un grande cambiamento per la cantautrice romana che in questa edizione sanremese appare molto più matura e sicura di sé.

Una Noemi decisamente ritrovata e rinnovata. Molto lontana dai look di quel famoso festival in cui si presentò in un mix tra Eva Kant e una Clara Calamai prima maniera del cinema muto. Il look odierno convince. Una nuova Jessica Rabbit, in cui le paillettes per una volta riescono a essere qualcosa di piacevole. L’abito da sirena la fascia ingentilendola parecchio. C’è solo da perfezionare la discesa dalle scale, ma questa è una accortezza che appartiene solo alla grande Wanda Osiris.

VOTO merita un bell’8

Colapesce e Dimartino

Dalla bomboniera di Matilda ai confetti. Due look zuccherosi, e il palco si Sanremo si trasforma in una succursale dell’OD Store. Aggiungiamo poi il siparietto della simpatica pattinatrice che balla alle loro spalle e la banalità è servita.

VOTO 4

Prima lo scimmione, poi la nonnina rock, adesso la pattinatrice… cosa ci dobbiamo aspettare il prossimo anno? –

Alessia Bonari

È la giovane infermiera la cui immagine col volto segnato dalla mascherina indossata per 15 ore al giorno, ha fatto il giro del mondo. Affianca Amadeus per raccontare la sua esperienza e ricordarci il periodo difficile che abbiamo vissuto e da cui ancora non siamo fuori. Vestita con un bellissimo abito di un delicato rosa che la fascia con grazia, dimostra che classe e eleganza sono innate. Alessia ha vinto la serata!

VOTO 10 e lode, ma solo perché la scala non può andare oltre.

Loredana Bertè

Loredana è veramente unica. Inimitabile. Ha sì 70 anni, ma la grinta è eccezionale! Energia pura e con delle gambe che ancora oggi fanno invidia alle più giovani.Canta i suoi cavalli di battaglia e dai divani, immagino, tutti a cantare con lei.

Il nuovo brano, ne siamo già sicuri, sarà il tormentone più gettonato nei prossimi giorni. Lory non è una signora, è un’eterna ragazza rock.

Sul look glissiamo che è meglio, ma le farfalle tra i capelli di ispirazione Botticelliana ci ricordano che tra poco sarà primavera e quindi le perdoniamo tutto. Immensa con le scarpe rosse e la sua profonda lotta a favore delle donne.

VOTO 9 perché Lory non può e non deve essere mai diversa da così.

Fedez e Francesca Michielin

Fedez emozionatissimo, Francesca più sicura. Il duo funziona, sono piacevoli e fanno tenerezza, il palco di Sanremo è difficile anche per chi è abituato agli stadi e alle piazze stracolme.

Fedez sarebbe perfetto non fosse per una specie di tovaglia a stampe improbabili anni ’70 indossata sotto la giacca che danneggia il look. Francesca invece elegantissima, uno dei look più belli visti nella serata.

Fedez VOTO 7, Francesca 9.

Max Gazzè

I brani di Max sono sempre particolari, ma quest’anno si è superato. Dopo la richiesta spasmodica di ibuprofene da parte di Aiello in preda a forti crampi addominali, canta “il farmacista” e si presenta sul palco con un abito disegnato appositamente per lui da Leonardo da Vinci. Probabilmente ha nostalgia di carnevale che per ovvie ragioni quest’anno è saltato.

VOTO 4

Achille Lauro

Ormai siamo abituati ai suoi costumi folkloristici, quest’anno al Festival effettivamente mancano solo le Winx, Achille provvede in merito. Diamogli atto che come lui non c’è nessuno.

VOTO 8 alla tenuta sul palco.

Aiello

A parte l’urlo disperato che chiede pietosamente un brufen per sopraggiunti improvvisi crampi addominali, c’è ben poco da segnalare. Se la canzone viene ascoltata al contrario, ne siamo certi possiamo sentire gli inferi lamentarsi.

VOTO 5

Madame

Non è chiaro il perché passi il concetto che eleganza sia sinonimo di paillettes, con il risultato che per brillare come se non ci fosse un domani, Madame abbia deciso di smontare la palla del Papeete e farsi un tailleur a specchietti. Peggio di così non si poteva fare.

VOTO 3

Ghemon

Appena apparso sul palco dell’Ariston ci siamo improvvisamente sentiti catapultare negli anni ’30 al ritmo frenetico di “Ma Pippo, Pippo non lo sa…” Ghemon 4 parole… “MA COME TI VESTI???!”

VOTO  3

Maneskin

Look da palline di Natale rubate a “Nightmare before Christmas”. Ora è chiaro perché Marlena sia scappata e non abbia nessuna intenzione di tornare a casa!

VOTO 4

Coma Cose

Economi. Con uno scampolo di tessuto han realizzato il vestito di lei e la camicia di lui, con il risultato che lei sembra la versione femminile di Legolas, lui un capo scout pronto alla gita domenicale.

VOTO 4

Annalisa

È giovane, carina. Il look giacca e minigonna è perfetto, peccato rovinare il tutto con dei sandali da antico romano su cui ha pure difficoltà a camminare. Si può fare di meglio.

VOTO 6

Francesco Renga

Francesco è un veterano del Festival e si vede, padroneggia sul palco con stile ed eleganza. Il look è semplicemente perfetto. Degno di chi sa come presentarsi nelle serate internazionali.

VOTO 10

Fasma

Il gessato forse è un tantino sopra le righe, ma nel disastro generale decisamente si salva. Quantomeno ha capito che si sta esibendo in eurovisione, concetto che questa sera è sfuggito a molti.

VOTO 6,5

La prima serata alla fine si rivela abbastanza deludente, salvata solo dalla bravura di Amadeus e Fiorello anche se sottotono rispetto ai loro standard.

La Signora Moda questa sera va a dormire in preda agli incubi, se il buongiorno si vede dal mattino, l’alba di questo Sanremo è decisamente preoccupante. Restiamo in attesa della seconda serata.