Globe Today's

Notizie quotidiane internazionali

Pompei è la meta: attraverso le torri, i confetti e le streghe

Scultura emblematica – Foto Jfleszar

Pompei

Pompei sì. L’obiettivo, alla partenza ancor sconosciuto, è proprio la città antica sommersa dalle ceneri del Vesuvio. La partenza però è da Bologna e prima di raggiungere la meta, attraverseremo un pezzo di bella Italia, perché l’Italia è davvero bella sapete.

Fuga dalla città

Bologna – Foto C.Lama

La realtà dice che il tempo classico delle vacanze è finito, ma è anche per questo che approfittiamo del poco caos e tentiamo una fuga dalla città. Ci prendiamo qualche giorno di vacanza e stavolta decidiamo di scendere attraversando lo stivale verso sud, cosa per noi abbastanza inusuale dal momento che normalmente saliamo verso nord. Nelle nostre meravigliose Dolomiti.

La destinazione, ribadisco al momento non l’abbiamo minimamente in mente, ma d’altronde il camper c’è chi se lo vive così. Noi facciamo parte della cerchia “pochi programmi decidiamo quasi al momento”. Per cui l’unica cosa certa è la partenza da Bologna: la città delle due antiche torri: la Garisenda e gli Asinelli.

Sulmona

Sulmona

Ed ecco che procedendo come una freccia nel cuore degli Appennini raggiungiamo Sulmona.

Sulmona è nel cuore dell’Abruzzo, a ridosso del Parco nazionale della Majella. Molto conosciuta per la tradizione di produrre degli ottimi e gustosi confetti. La “città dei confetti” l’ho trovata stupenda e molto coccola. Abbiamo passeggiato per le vie della cittadina, incontrando innumerevoli negozi di confetti e vedendo le incredibili decorazioni che i negozianti riescono a fare. Tutto bellissimo per davvero, tramonto da togliere il fiato compreso. La montagna attorno alla cittadina ha infatti un aspetto completamente rosa. Sembra una decorazione fatta dalla natura in sintonia con l’ambiente magico del posto.

Benevento

L’arco di Traiano

Ma nonostante tutto, noi non amiamo soffermarci per lungo tempo in un posto. Amiamo muoverci e cambiare spesso panorama. Ed eccoci chilometro dopo chilometro giunti a una nuova destinazione: Benevento. È una città a dir poco meravigliosa. C’è così tanta storia da vedere. Merita vedere il bellissimo arco di Traiano, così come far visita alla Chiesa di Santa Sofia, molto semplice nel suo stile, oppure scoprire il teatro romano piccolo, ma molto bello.  Benevento ha poi un duomo meraviglioso e sono davvero tante le cose da scoprire qui.  Non avrei mai pensato mi potesse piacere tanto, la città delle streghe, di questa leggenda antica che avvolge di mistero la storia della città. Si mangia anche bene, lo dimostra la bontà della pizza che abbiamo gustato. D’altro canto era inevitabile non assaporare il piatto tradizionale campano. 😊

Pompei: le rovine

Ed eccola qua la meta nascosta della nostra fuga dalla città. Pompei. Anzi le rovine di Pompei.

Personalmente mi ha stregata (anche se non siamo a Benevento…)!!!! Un’atmosfera surreale. In un secondo respiri aria di antichità. Tantissime le cose viste, innumerevoli quelle che mi hanno affascinato.

Tutti sappiamo che il Vesuvio seppellì questa città ma la cosa incredibile è rivedere tanto splendore tanta bravura in tempi così lontani da noi. I mosaici sono qualcosa di straordinario, incredibilmente perfetti provo a descrivervi qualcosa che ho visto.

Ad esempio la Casa degli Amorini Dorati è una delle più eleganti abitazioni di Pompei. Lo spazio è organizzato intorno al giardino, contornato di statue. Devo dire che tutto questo conferisce tanta sacralità!

A Pompei nasce anche un museo archeologico accuratissimo. Possiamo vedere un bambino seppellito dalla lava: pare stesse dormendo.  Un cane in una posizione di grande sofferenza ed un uomo, si pensa con un foulard sul viso probabilmente per cercare di respirare. Tutto davvero molto toccante!

Alcune foto dell’antica città scomparsa nelle ceneri

Altre testimonianze pompeiane

Il Santuario di Apollo è tra i più̀ antichi luoghi di culto pompeiani, costruito in un punto strategico, lungo la via che salendo da Porta Marina conduceva al cuore pubblico della città. La scelta del Dio come culto fondante rimanda alla presenza greca.

Il Foro Civile rappresenta il centro della vita di Pompei, si affacciano tutti i principali edifici pubblici per l’amministrazione della città e della giustizia, per la gestione degli affari, per le attività̀ commerciali, ecc.

Potrei parlarvi delle viti, dei mosaici, dei panettieri (avete letto l’articolo sulla pagnotta della vicina Ercolano?). C’ è così tanto da vedere e da sapere su Pompei è davvero un posto magico.  Se posso darvi un consiglio? Andateci… non vi deluderà ne sono certa!!!