Globe Today's

Notizie quotidiane internazionali

NONPROFIT DAY. Boom di partecipazioni per il 2 marzo

NONPROFIT - Locandina
NON PROFIT DAY

NONPROFIT DAY

Nemmeno la pandemia con le sue conseguenti limitazioni agli eventi pubblici, è riuscita a fermare l’interesse per questa nuova edizione del NONPROFIT DAY. L’evento online, che avrà luogo il 2 Marzo 2021, conta infatti già oltre 2500 iscritti. Una cifra da capogiro, se teniamo appunto conto del momento che stiamo vivendo. Numero che tuttavia non sembra destinato a fermarsi. Le iscrizioni infatti sono ancora aperte.

Il Programma

Merito di questo exploit dell’evento è anche il programma, che quest’anno si presenta con un formato e dei contenuti piuttosto spumeggianti. Apertura alle 14 con Valerio Melandri, fondatore del Festival del Fundraising   e Stefano Malfatti direttore dell’Associazione del Festival stesso. A seguire una contrapposizione interessante. Il primo oratore sarà infatti Dan Pallotta con una relazione dal titolo: “Perché l’idea che avete del nonprofit è completamente sbagliata”. Successivamente, la relazione di Stefano Zamagni, dal titolo: “Perché l’idea che ha Dan Pallotta del nonprofit è pericolosa”. Il primo punto che colpisce ed interessa è senz’altro la forte contrapposizione tra le due tesi, da parte di due personaggi cosi illustri.

Dan Pallotta e Stefano Zamagni

Le parole di Valerio Melandri, che sintetizziamo qui di seguito, spiegano il successo dell’iniziativa e l’elevato numero di iscritti: “Ricordiamo infatti che Dan Pallotta è una figura di spicco nel mondo nonprofit. Famoso per il suo TED che conta più di 8 milioni di visualizzazioni su YouTube. Stefano Zamagni invece, è l’inventore delle Onlus e Presidente della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali. Si tratta quindi di due visioni completamente diverse del mondo nonprofit. Pallotta infatti rappresenta la parte più moderna, orientata al business, con una pragmaticità adattiva al contesto attuale. Zamagni d’altro canto, è portatore di una concezione filosofica di spessore. La sua ottica infatti, si rifà in modo importante all’umanesimo rinascimentale italiano”.

Non è una sfida ma un’opportunità

È importante tuttavia sottolineare il fatto che non si tratta di una sfida. Bensì, di una opportunità di arricchimento concettuale e pratico, per i partecipanti. Elemento importante, quello del pluralismo, troppo spesso lasciato da parte nella cultura di massa contemporanea.

Alle 17 il Question Time

Alle 17, il Question time guidato dai professionisti del settore, al quale i partecipanti potranno sottoporre le loro domande in chat.Saranno infatti presenti 4 esperti nel nonprofit: Giancarla Pancione, Direttore Marketing e Fundraising di Save the Children. Niccolò Contucci, Direttore Generale di AIRC. Alessandro Betti, Direttore Raccolta Fondi Fondazione Telethon. Elisabetta Soglio, Giornalista e Responsabile dell’inserto Buone Notizie del Corriere della Sera. Questi i nomi di coloro che guideranno lo spazio delle domande, arricchendo il dibattito anche con i loro contributi.

NON PROFIT DAY

NONPROFIT DAY, sarà un tentativo di ritrovare e ristabilire la rotta, che la pandemia ha costretto a ridefinire. Si tratta anche di un evento apripista. Sarà seguito infatti, più avanti nel 2021, dal XIV Festival del Fundraising. Anche questo un momento per capire ulteriormente che ruolo potrà avere il Nonprofit, nel mondo post covid.  Anche quest’anno Globe Today’s è media partner di questa eccellente iniziativa e per ulteriori informazioni viva@nonprofitday.it   +39 351 840 0081