Globe Today's

Notizie quotidiane internazionali

Origano: la pianta che ama il sole

l’origano

Oggi ci occupiamo dell’origano

È una pianta erbacea perenne alta 70 – 80 cm, rustica ed amante del terreno ben drenato.

Generalmente vegeta bene quando esposta a pieno sole. Presenta foglie verde scuro con un margine chiaro, a metà della stagione estiva produce dei piccoli fiori rosa. L’origano è una pianta presente nelle zone collinari – montuose di tutto il bacino mediterraneo.

Le leggende legate all’origano

Conosciuta fin dall’antichità, ha il suo spazio persino nelle leggende.

Una di queste è il mito di Amaraco (il nome spagnolo dell’origano).

Amaraco era il principe dell’isola di Cipro e per passare il tempo si dedicava alla ricerca e produzione di profumi.

Un giorno scoprì un profumo gradevolissimo con cui volle omaggiare il re.

Tuttavia, mentre trasportava la boccetta al cospetto del genitore, la ruppe perdendo irrimediabilmente il prezioso aroma.

Resosi conto della gravissima perdita, ne morì di dispiacere.

Tuttavia gli dei ebbero compassione di lui e lo trasformarono in una pianta il cui profumo era quello perduto con la rottura della boccetta: l’origano.

Un’altra leggenda vuole che Afrodite lo apprezzasse a tal punto, da farlo crescere lungo le pendici del Monte Olimpo.

Storicamente sappiamo che i Greci erano soliti regalare agli sposi una piccola corona di origano come augurio di felicità e prosperità.

Le proprietà

La pianta ha proprietà antiparassitarie (è sgradita alle formiche), analgesiche, antispasmodiche, antisettiche, espettoranti, stomachiche e toniche anche se, oggi, è principalmente conosciuta per quelle culinarie grazie alle quali occupa una posizione importante nell’ambito della cucina mediterranea.

La ricetta della focaccia all’origano

A tal proposito vorrei offrirvi una ricetta che utilizzava mia mamma e prima di lei mia nonna.

Focaccia all’origano

Ingredienti: mezzo chilo di pasta per pizza, 200 g di pomodori pelati, 3 spicchi d’aglio, 3 cucchiai di origano, 3 cucchiai di olio extra vergine d’oliva, sale.

Procedimento: la pasta deve essere lavorata sulla spianatoia per ridarle la sua elasticità per almeno 5 minuti, dopo ciò stendetela in una teglia preventivamente unta e formate delle piccole concavità sulla superficie pizzicandola. In tali alloggiamenti inserite aglio e pomodori a fettine sottili. Cospargete di origano e sale la vostra focaccia e infornate dopo aver condito la superficie con due cucchiai di olio. Il forno deve essere preriscaldato a 180°, meglio se ventilato. La cottura è di 30 – 40 minuti circa. La pasta deve essere morbida anche dopo la cottura. Il piatto va servito molto caldo.

Buon appetito!