Globe Today’s

Notizie quotidiane internazionali

La scimmia che gioca con i video giochi. By Elon Musk

Scimmia - Scimmia foto
Legge e poi video gioca?

La scimmia

La scimmia che gioca con i video giochi? Ebbene sì! Dopo i suini ora è il turno delle scimmie. La verità è che Elon Musk si sta sempre più avvicinando (forse pericolosamente) all’uomo.

Tutti ricorderanno il neuralink (sistema in grado di tradurre gli impulsi cerebrali in comandi funzionali) impiantato nel cervello maialina Gertrude: un cip che misura circa otto millimetri dotato di fili per interfacciarsi con l’animale. Il passo successivo è consistito nel ripetere l’esperimento con una scimmia.

La scimmia e il computer

Il risultato sarebbe stato quello di permettere al primate di giocare con un videogioco utilizzando esclusivamente il pensiero.

In questo caso il condizionale è d’obbligo sussistendo un’estrema riservatezza attorno all’intera faccenda ma è stato lo stesso Elon Musk a sollevare il velo riguardo l’esperimento all’interno di un social network vocale.

L’impianto, wireless, è completamente invisibile dall’esterno e, fini ad ora, sembra funzionare alla perfezione senza arrecare alcun fastidio all’animale.

Tutto a norma e con le scimmie felici

Inoltre, avrebbe raccontato Musk sempre nel social vocale, che ogni esperimento rispetta appieno le vigenti leggi in materia e, addirittura, l’ispettore del Dipartimento dell’Agricoltura statunitense, durante un controllo ai laboratori della Neuralink, si sarebbe sorpreso di aver trovato tutte scimmie “felici”.

Bisogna specificare che non esiste conferma di questa affermazione e probabilmente è un po’ sopra le righe, ma ciò non toglie che sia tutto reale.

Ha giocato a “Pong”

Ma cos’ha fatto di tanto speciale la scimmia con l’impianto? Ha giocato a “Pong”.

Un gioco facile, è vero, ma giocato utilizzando esclusivamente il proprio pensiero.

Leggi anche:  Immortalità? Il sottile confine tra scienza e utopia (1)

Come tutti sanno, questi non sono che passaggi intermedi per arrivare alla cura di malattie neurologiche umane e, di più, a costruire veri e propri “database” di ricordi nel caso che eventi traumatici privino un essere umano della propria memoria.

Questi traguardi ed altri più ambiziosi sono nell’agenda del miliardario sudafricano, un visionario che sta concretizzando alcuni dei più sfrenati sogni umani. A compendio, la Neuralink ha realizzato un filmato in cui illustra dettagliatamente il funzionamento del robot che “installa” il chip sugli animali.

Guardate il filmato e poi chiedetevi se il futuro non sia già arrivato.