Globe Today’s

Notizie quotidiane internazionali

Intelligenza Artificiale, sinergia tra Federico II e Simar Labs

Intelligenza artificiale: Fabio Cannavaro
Al convegno anche l’ex azzurro del Napoli e della Nazionale Fabio Cannavaro

 Intelligenza Artificiale: confronto tra tecnologia e innovazione

Successo di partecipazione e unità d’intenti al convegno di via Partenope, interprete principale “l’Intelligenza Artificiale”.

A Napoli un confronto su tecnologia e innovazione e del futuro. Al Centro Congressi, in Via Partenope si è tenuto AI FOR WELL-BEING, organizzato da SIMAR LABS e dal Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell’Informazione (DIETI) dell’Università Federico II. L’evento è stato introdotto da Francesco Montervino, storico ex capitano del Napoli e moderato dal giornalista e direttore di Canale 8 Toni Iavarone. Ospiti d’eccezione uomini dello sport come l’ex capitano del Napoli, Paolo Cannavaro e l’ex calciatore Fabio Galante nonché il preparatore atletico Eugenio Albarella.

Francesco Montervino altro ex storico Capitano del Napoli

Abbiamo avviato una collaborazione con Simar Labs -ha affermato il direttore del Dieti, Fabio Villone- su applicazioni di intelligenza artificiale e robotica tese a favorire il benessere delle persone. Per dimostrare plasticamente come le nuove tecnologie possano essere al servizio dell’uomo”.

Entusiasta e come sempre propositivo il presidente di Simar Labs Marco Valle: “La ricerca e lo sviluppo insieme all’intelligenza artificiale hanno fatto sì che si possa oggi non solo fare una videochiamata tra Napoli e Sydney ma moltiplicare la produttività. Grazie a questa collaborazione si potrà rappresentare un dispositivo innovativo progettato e realizzato con l’impiego di algoritmi di intelligenza artificiale e tecniche di robotica”.

Intelligenza artificiale: Marco Valle
Il presidente di Simar Labs Marco Valle

Sono numerose le applicazioni a vantaggio del benessere

Questa tecnologia all’avanguardia consentirà una valutazione accurata e personalizzata dello stato dei soggetti, aprendo le porte a numerose applicazioni nel campo del benessere umano. Saranno migliorati aspetti cruciali come il monitoraggio della salute fisica, mentale, del sonno, la gestione dello stress e il potenziamento delle prestazioni cognitive, nonché il monitoraggio di tutte quelle situazioni potenzialmente a rischio quali, per esempio, colpi di sonno alla guida e postura scorretta. Gli esperti che si sono alternati al tavolo del dibattito hanno mostrato come algoritmi avanzati, sensori, app mobili ed elettronica possano già migliorare nel brevissimo tempo le tappe stesse della quotidianità.

Il vero potenziale dell’intelligenza artificiale è ancora da esprimere – ha ricordato il Bruno Siciliano, professore di Robotica alla Federico II – finora ci siamo soffermati su piccoli dispositivi al comando dell’uomo ma la vera aspirazione è quella di utilizzare l’IA per il benessere dell’uomo. E questa può essere una grande opportunità per tutta la società”.

I protagonisti del convegno con il professor Bruno Siciliano (il terzo da sinistra) e gli altri grandi interpreti di questa iniziativa.

L’attività di Simar Labs

Centrali gli interventi di Giacomo Bartoloni, Responsabile Finanza del gruppo, che ha illustrato l’attività di Simar Labs e del professor Stefano Marrone a proposito delle potenzialità e delle funzioni della “seduta intelligente”.

Leggi anche:  Il Cielo di Napoli nella musica di Marea

Ho intenso la Simar Labs come un laboratorio per un futuro migliore – ha raccontato agli astanti Bartoloni – Siamo estremamente orgogliosi della collaborazione con l’università Federico II, prossima a festeggiare i suoi primi 800 anni di vita. Dal canto nostro ci siamo impegnati a sviluppare un modello di filiera che si avvale di tutte le migliori professionalità presenti sul mercato per perseguire e realizzare le nostre idee, dalla progettazione alla realizzazione. Al centro di tutto per Simar Labs resta comunque la necessità imprescindibile di confrontarci sempre con persone perbene. Anche per questo l’incontro con la Federico II è motivo di vanto”.

Cosa si intende per seduta intelligente?

 “E’ semplicemente un progetto teso ad aumentare in maniera non invasiva l’intelligenza, il supporto, l’utilizzo di una seduta. – ha affermato il professore Stefano Marrone – Si tratta in buona sostanza di un monitoraggio sulla persona senza che la stessa se ne accorga. Ci sono dei sensori che elevano i dati in modo da controllare lo stato della persona fisica, con i suoi valori al momento della seduta. Ciò aiuta a capire immediatamente se la situazione necessita di un intervento o no, mentre il fruitore è disteso o intento ad un’attività sul divano”. L’intelligenza artificiale è pericolosa? Ci sostituirà? All’annosa, ricorrente domanda Marrone risponde in modo perentorio: “Mi occupo da un decennio di privacy in intelligenza artificiale e non ho dubbi: si tratta di uno strumento utilissimo che va trattato, perfezionato con la ricerca. Sta a noi utilizzarla nella maniera più opportuna”.

Sintonia di vedute tra gli sportivi

Piena sintonia di vedute anche tra gli sportivi. I ritmi forsennati del professionismo e anche la cura del dettaglio tra semplici amatori spingono nella direzione della tecnologia: “I calendari sono ormai pieni zeppi di impegni – ha affermato l’ex preparatore atletico del Milan scudettato e della nazionale giapponese Eugenio Albarella – e un aiuto dalla scienza può soltanto aiutare a migliorare le prestazioni sempre sotto la guida dell’uomo”.

Verified by MonsterInsights