Globe Today’s

Notizie quotidiane internazionali

“From Trash To Flash” la moda bella che ricicla

“From Trash To Flash”

From Trash To Flash: la locandina
Titolo perfetto

Accademia del Lusso e Afro Fashion Association, diversità e innovazione, prodotti di scarto e riciclo. Una “contaminazione” totale capace di produrre moda e bellezza. Quasi un miracolo? No. Nulla di più naturale, nulla di più semplice, nulla di più bello e riproducibile.  Un titolo dato a un evento “From Trash To Flash” che suona quasi come una provocazione, una sorta di “dalle stalle alle stelle”, quasi irrispettoso dei luoghi comuni.

Il merito o se vogliamo la sfida vinta nell’associare senso e controsenso delle cose, è da attribuire alla pari, all’Accademia del Lusso, Scuola di Alta Formazione nell’area fashion & luxury e Afro Fashion Association sostenitrice della diversità e dell’innovazione nel settore della fashion. Il “fatto” è avvenuto, usando il gergo della cronaca quotidiana, il 21 febbraio, in occasione della Fashion Week, della settimana della Moda. Il luogo dell’avvenimento?  La Fabbrica del Vapore. L’ambiente è affascinante. Nel nome racchiude l’incanto della storia e la struttura riveduta e corretta attinge sé stessa nella stessa storia, vissuta con altri obiettivi nel passato e ora invece consegnatasi alle nuove generazioni per mantenere, il rito della continuità e dell’immortalità, anche perché lo scopo non più più essere quello per cui è stato costruito il manufatto.

Da “From Trash To Flash” alla moda GenZ

La data di riferimento è il 5 novembre 2023. Il concepimento avviene perché Accademia del Lusso ha affidato a Paolo Lapicca, Coordinator of Styling & Communication e Marco Bagalini, Docente di Laboratorio di Modellistica e Prototipia del dipartimento di Fashion Design e a 5 studenti, il compito di raggiungereLABA DOUALA, insieme a questo team, Michelle Francine Ngonmo, Founder di Afro Fashion Association. Obiettivo mixare la moda italiana e la creatività del Camerun, nel cuore dell’Africa, il tema detto in fashion style, è quello dell’upcycling del denim, ovvero trasformare le cose accrescendone il valore, ovvero non cambiare la forma dell’oggetto come nel cosiddetto recycling. Anche qui come in premessa una rivoluzione concettuale. Nasce cos’, la moda multietnica capsule collection “From Trash to Flash”.

Tutte le Ph: @arnoneluca

L’esperienza degli aspiranti fashion designer

Nei mercati di Douala, èesplosa la creatività dei ragazzi, colori, denim riciclato e l’oro come fil rouge della collezione e i tessuti tipici della tradizione afrikaans, le decorazioni e la stampa Wax dei ragazzi della Laba Duala, non potevano che produrre una nuova moda esperienziale, emozionante, elegante. Le abbiamo vissute dal vivo queste emozioni, con la mia collega Manuela Bresciani, abbiamo apprezzato anche la musica che ha accompagnato, l’eleganza e le movenze in passerella delle modelle di questi abiti creati da una GenZ, che così si, ci da speranza per il futuro e scaccia almeno per un po’ questi cattivi pensieri di guerra. Qui nella Fabbrica del Vapore è avvenuta una “contaminazione” tra generazioni e tra abitanti di questo pianeta, che grazie all’amore per il bello ha saputo insegnare coi fatti e non con le parole che da questo pianeta inquinato si può generare un # From Trash To Flash da cui ripartire. Tutti insieme.

Tutte le foto: @arnoneluca

Qui gli highlight di From Trash To Flash, con intervento del Direttore dell’Accademia del Lusso, L’Architetto Giampiero Mele e dell’aspirante stilista Ayleen Lohse.

Leggi anche:  MWM. C’è uno specchio nella moda di Monica

La parola ai protagonisti

Victoria Adaeze Ejiogu, creative director di CULT: “Lo special project realizzato con l’Accademia si inserisce all’interno del progetto CULT LAB attraverso cui CULT conferma la sua vocazione nel promuovere i nuovi linguaggi creativi e i giovani talenti.  Alla base dell’iniziativa, ci sono la sperimentazione e la contaminazione che portano in primo piano la libertà e l’estro creativo degli studenti. In un dialogo nel quale i modelli del brand diventano manifesto di uno stile, quello della nuova generazione, sempre pronto a trovare nuove declinazioni e mezzi espressivi differenti”.

Paolo Lapicca, Coordinator of Styling & Communication di Accademia del Lusso: “Questo progetto è un’immensa opportunità per i nostri studenti: nuove idee, ispirazioni e tecniche, consentono loro di esplorare il potenziale dell’upcycling e il suo impatto positivo sull’ambiente. Voglio ringraziare L’Afro Fashion Association che porta la sua vasta rete e la sua esperienza nel campo della moda per promuovere le collaborazioni interculturali e le pratiche sostenibili e la LABA DOUALA, Scuola conosciuta per l’eccellenza artistica e l’impegno nella comunità, in grado di fornire una prospettiva locale e un’inestimabile conoscenza delle tradizioni e dell’artigianato della moda camerunese”.

Marco Bagalini, Docente di Laboratorio di Modellistica e Prototipia del dipartimento di Fashion Design: “Grazie alla sua eccellenza accademica e le sue connessioni con l’industria della fashion, Accademia del Lusso guida gli studenti nel loro percorso creativo e di sviluppo professionale. Questo progetto permette ai nostri ragazzi di condividere il proprio know-how e portare il proprio expertise nella lavorazione dei pregiati tessuti italiani”.

Verified by MonsterInsights