Globe Today's

Notizie quotidiane internazionali

Anno nuovo vita nuova? Solo se hai una strategia

Anno Nuovo - Strategia
La strategia per un anno nuovo e vita nuova – LBy S.Herman & F. Richter

L’anno nuovo

Anno nuovo vita nuova. Mi vengono in mente due espressioni, in apparente contraddizione. “Io speriamo che me la cavo”, anche per l’eredità dell’anno precedente e “Come NON stabilire i buoni propositi per l’anno nuovo”. Di solito questi grandi progetti falliscono nell’80% dei casi, non tanto perché non siano validi, quanto perché non vengono stabiliti con logica.

Obiettivi e risultati

Ti sei mai posto ad inizio anno degli obiettivi del tipo “Da quest’anno dimagrirò, smetterò di fumare, farò regolarmente attività fisica?”. Quante volte sei riuscito a portarli a termine?
Voler apportare cambiamenti drastici, soprattutto se derivanti da uno stato di frustrazione è un qualcosa che normalmente è destinato a fallire inesorabilmente.
Questo avviene perché riguardano COSA facciamo (le nostre azioni) e non CHI siamo (il nostro essere) e spesso vengono stabiliti senza ascolto interiore e senza aver imparato qualcosa dagli errori passati.

Serve una riflessione

È per questa ragione che oggi, prima di stabilire mille propositi e non portarne a termine neanche uno, voglio farvi riflettere.
Come puoi anche leggere nel mio libro NO DIETA CON CALMA prima di iniziare un percorso di qualsiasi tipo è necessario capire dove siamo, dove vogliamo andare e come lo vogliamo fare.

Serve una strategia

Anno nuovo - Cuore
La chiave giusta per stare bene – By A.Socha

Avere una strategia prestabilita e decisa da noi ci aiuterà ad arrivare al traguardo altrimenti il cambiamento potrebbe fallire. Non tanto perché non abbiamo le competenze per attuarlo, piuttosto perché non è il modo giusto.

Servono degli esempi

L’orto

Immaginiamo di avere un terreno pronto per essere seminato: è fondamentale prepararlo bene con aratura e concimatura altrimenti il rischio è che non produca abbastanza. La natura insegna anche che c’è un momento adatto per ogni ortaggio, seguendo il ritmo delle stagioni.
Per raccogliere i cavoli a gennaio, intanto prima dobbiamo sapere cosa e dove seminare, il periodo di semina (che qui è luglio /agosto) e poi innaffiare l’orto e attendiamo che dia i suoi frutti.
Questo ciclo della natura può essere un esempio anche per noi.

La maratona

Prima di fare una maratona e di correre 42 Km sarà magari necessario stabilire un piano di allenamento, farsi aiutare da un personal trainer, valutare ancor prima lo stato fisico compreso il benessere articolare,  le possibilità e i modi di allenarsi.

Stessa cosa nell’alimentazione: se mi segui da un po’, sai che non do diete drastiche pesate e misurate, ma aiuto le persone in un percorso di correzione delle loro abitudini disfunzionali dopo un’attenta valutazione degli obiettivi e dello stile di vita.

La strategia dei piccoli passi

Uno dei punti chiave del mio metodo CALMA® è A PICCOLI PASSI OTTIENI GRANDI RISULTATI: questo permette di non fare troppa fatica e trasformare piano piano le abitudini radicate da anni. Un piccolo passo ripetuto nel tempo diventa un circuito neuronale preferenziale che sarà poi naturale percorrere. La bella notizia è che le neuroscienze oggi ci insegnano che così come abbiamo costruito e solidificato le nostre abitudini attuali così ne possiamo costruire e solidificare altre. Un consiglio con il cuore è di uscire dalla trappola del tutto e subito e rileggere prima un approfondimento in questo articolo.

Serve fare esercizio

Ora fermati un secondo e chiediti qual è l’area della tua vita che vuoi migliorare quest’anno (salute, relazioni, lavoro, famiglia, etc.).


Se ad esempio è la salute. Chiediti: quale piccolo passo posso fare fin da subito per migliorare la salute uscendo dalla trappola di scegliere quella che ti darà un risultato maggiore ma che è troppo difficile da mettere in pratica. È bene che la scelta sia semplice, altrimenti la mente inconscia opporrà resistenza.

Ad esempio se stai pensando che dovresti bere di più. Dovresti fare più attività fisica o evitare gli zuccheri. Sarà più facile bere 2 bottigliette di acqua in più al giorno oppure camminare un’ora al giorno o togliere lo zucchero dal caffè? Stabilisci un tuo piccolo passo personale e portalo avanti fino a quando senti che è diventato “naturale”, ci può volere un mese, due o anche un anno.
Dipende.
Un’altra regola per il piccolo passo è che sia preciso e dettagliato.
Meglio stabilire di bere 10 bicchieri di acqua al giorno (2 al mattino appena sveglio, 2 a pranzo, 2 a cena, e 2 prima di andare a letto) piuttosto che dire “voglio bere di più”.

La strategia è prioritaria

Stabilendo a priori i tuoi semplici piani, questo metodo ti farà risparmiare forza di volontà facilitandoti la vita. Quando ti renderai conto che il piccolo passo è diventato naturale, procederai a compiere il secondo e così via. Buon inizio!