Globe Today's

Notizie quotidiane internazionali

Amazon Explore viaggiare ma senza muoversi da casa

Amazon Explore - Phone
Si viaggiare, certamente non volare ma viaggiare…

Amazon Explore

Contrariamente alle apparenze, Amazon Explore non è il nuovo browser del colosso americano ma un servizio potenzialmente in grado di rivoluzionare il mondo dei viaggi.

Solo il tempo ne stabilirà l’impatto sull’utenza che utilizza gli store on line della multinazionale, ma i presupposti sono molto interessanti. Attivo in via sperimentale per ora solo negli USA, si tratta di una piattaforma che consente l’organizzazione di viaggi virtuali. Qualcosa di simile si era già intravisto a Expo 2015.

Viaggi virtuali con Amazon Explore

L’utente può scegliere tra vari “pacchetti” comprendenti visite a città d’arte, mercatini, luoghi particolarmente caratteristici, escursioni per l’osservazione degli animali e tantissime altre proposte.

Sono inoltre offerte lezioni di cucina tipica, di composizione dei cocktail. Il tutto ordinatamente diviso per continenti e tipologie di interesse. Inoltre, chi lo desidera, può anche fare acquisti e il tutto gli verrebbe recapitato a casa da Amazon.

Come funziona?

Con guide umane, a questo punto è meglio specificarlo, le quali, munite di “camera”, fisicamente compiono il tour previsto nel pacchetto scelto. A richiesta acquistano in nome e per conto dell’utente. La durata massima di un giro turistico è di 60 minuti e i costi, variabili a seconda del tipo di impegno richiesto alla guida, chef, professionista. Sono tutti, almeno per ora, al di sotto degli 80 euro. Decisamente un’idea ardita, quella del colosso creato da Jeffrey Preston Bezos, tutta da verificare.

Chiaramente nessun tour virtuale può sostituire una visita in loco, ma è chiaro che si aprono nuovi scenari. Ad esempio ci sarebbe la possibilità di pianificare un viaggio con la sicurezza, una volta arrivati, di non perdere tempo e sfruttare appieno il periodo di vacanza sapendo già dov’è meglio puntare e dove no.

Il passato prossimo è quasi remoto

Oggi potrebbe costituire l’unica possibilità di viaggiare in attesa di tempi migliori inoltre, Amazon Explore, darebbe la possibilità alle tante, tantissime persone che non possono permettersi una vacanza in Paesi esotici, di “visitare”, pur con tutti i limiti del caso, luoghi diversamente inaccessibili. Certamente l’iniziativa potrebbe anche costituire un incentivo all’isolamento sociale, ma si entra nel campo relativo all’uso che viene fatto di un determinato strumento e quindi anche alla mentalità del fruitore.

Comunque sia una cosa è certa: il mondo sta cambiando così rapidamente che fra trent’anni le future generazioni potrebbero vederci come noi vediamo quelle della seconda metà ottocentesca.